Piccolo pezzo tratto dal mio libro “Una mamma con le ali”

copertina librofrasi dal mio libro

Il muro dei miei pensieri

IMG_0530Ho scattato questa foto qualche giorno fà, è tutta la visuale che si può godere da una casa dove vado spesso. Non c’è passaggio di persone, non c’è strada, non c’è verde, c’è solo questo muro di fronte e più sù uno scorcio di cielo, sembra di essere in carcere. Però questo muro è speciale…un giorno, mi sono affacciata casualmente e mentre lo osservavo, sono stata rapita da tutti quei mattoni posizionati come fossero un puzzle.

Avevo così tanti pensieri e preoccupazioni in testa da non riuscire a trovare soluzione e mentre riflettevo sul da farsi, la mia attenzione è stata rapita da quel muro al punto tale da dimenticare tutto. Non sò come faccia una parete di mattoni e calcinacci a catturare tutti i pensieri, semplicemente se li prende e ti lascia libera la mente e dopo, riesco a continuare la giornata. Che sia magico?

Beh, voglio crederlo!!! In fondo, è un pò come uno psicologo solo che lui ascolta senza bisogno di parlare, rapisce la tua mente e ti dona tanta serenità. Ed è anche gratuito!!!

 

Figlia di madre???

1265070_10201979965410974_1465998622_o I figli…che teste dure che hanno. Ho due ragazze e due ragazzi ma la seconda delle femmine è una specie di vulcano umano. “Non ho fame, mamma!” e esce con la sorella maggiore convinta di affrontare una giornata al mare sotto il sole cocente come se avesse, per capelli, un copricapo.

Ed è stato così che è svenuta dentro un bar nel bel mezzo della mattinata a Riccione.

“Emy (dice alla sorella) non ci vedo, devo mangiare qualcosa…” TONF!!!!! A terra.

Dico sempre di far colazione al mattino, perchè il corpo ha bisogno di energie no? Ma perchè questi ragazzi, non lo capiscono?

“Rosaria, mangia prima di andare a scuola, altrimenti stai male, lo capisci?”…ehm…mi sono venute in mente, improvvisamente, le parole di mia madre.

Ero io quella ragazzina testarda che spesso saltava la colazione? Mmm…meglio non lo dico a mia figlia!!!

Segreto.

Alle prese con il bagno salsoiodico

Martedì ho iniziato la prima seduta per curare il mal di schiena che non mi dà tregua…una bella ernietta ha fatto capolino tra le vertebre della mia già debole colonna vertebrale colpendo, ogni tanto, il nervo sciatico con la stessa determinazione e precisione di un arciere che tende l’arco per lanciare la sua freccia  verso il bersaglio e mi crea non pochi problemi.

Entro all’interno del centro  e mi avvio verso la sala dei bagni termali.

“Passare la scheda sul bollino rosso”,  dice una scritta…ma dov’è il bollino rosso?

Giro intorno, cerco con attenzione altrimenti non posso entrare perchè ho una scheda metallica attraverso cui vengo riconosciuta e non vedo ASSOLUTAMENTE IL BOLLINO ROSSO. Non c’è anima viva nei dintorni…a chi chiedo? Ma che strano posto è mai questo? Non ci sono bollini rossi!!!! Preoccupata, controllo la montatura, magari ho sbagliato lente visto che l’età impone due lenti per vicino e una per lontano…tutto ok, montatura corretta.

Per fortuna, passa una ragazza che mi indica il punto giusto e finalmente vedo stò cazzarola di puntino rosso…era evidentissimo! Perchè non lo avevo visto???? Mah!

Mi avvio, quindi, nella sala bagni…una stanza dopo l’altra, tutte con normali vasche come quella di casa mia. Dov’è la novità? Potevo farmelo a casa il bagno no? Che strano modo di denominare un normale bagno con vasca “bagno salsoiodico”…se ci mettevo i sali, non era come a casa mia? Boh!

“Buongiorno, lei è con me, mi segua. Ecco, questa è la sua stanza, si spogli completamente nuda, la temperatura dell’acqua è 37°, giusta per lei, entri dentro e si rilassi. Tra 20 minuti ritorno.”

Mi spoglio ed entro con una goffagine tale da far invidia a Fantozzi, la vasca era alta e l’acqua scura e maleodorante.

M’immergo e…che leggerezza e che bel seno prosperoso. Che stava succedendo? Il mio corpo sembrava fluttuare e il seno…due palle belle tornite e “elevate”!

E chi vuole uscire più da qua’? Acqua calda, seno perfettamente ritornato come prima che allattassi, corpo leggerissimo e neanche un minimo di dolore. E che acqua profumata…il cattivo odore era diventato un buon profumo.

Stavo benissimo!!! Viva i bagni salsoiodici.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Avrei voluto…

tendere le maniAvrei voluto essere aiutata quando avevo bisogno di  “volare via”, avrei voluto tanto amore e tanti abbracci proprio quando elemosinavo silenziosamente anche una sola carezza, avrei voluto forza, sostegno e coraggio quando mi sentivo fragile e indifesa.

Avrei voluto grandi mani e una casa dove rifugiarmi per proteggermi dalle violenze e i soprusi.

Oggi, che sono una donna adulta, sò proteggermi abbastanza?

Sono stata capace d’insegnare ai miei figli cosa vuol dire amare e proteggere e difendersi?

 

Voci precedenti più vecchie

Around Family Blog

Per chi viaggia con i bambini

Soraya's

Se posso, ti aiuterò!

Prendi il largo

Il blog di Romena

Caduta fuori dal tempo

Un diario di bordo ricco di emozioni

Nonostante me

"Il segreto per andare avanti, è iniziare". M. Twain

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

MIRIAM'S VERSION

Se non puoi essere bella, sii brava. Se non puoi essere brava, sii bella. Ma se puoi essere bella e brava, sii entrambe le cose. Perchè la bellezza sta nella cura della persona e la bravura nella sua volontà. M.R

La vita attraverso il cinema

La vita attraverso il cinema

Nel giardino segreto

in fondo al cuore di ognuno di noi

LIBRI

GUIDO SPERANDIO

E se ci riesco io!

Donna e Mamma in simbiosi

Diario di una ex-stronza

momentaneamente disoccupata, presto di nuovo in carica.

mammaperfettacercalavoro

cambiare è vivere

Chiara - Creazioni in fimo

Bijoux, bomboniere, idee regalo, complementi d'arredo in argilla polimerica

maplesexylove

_Fall in love with style_

My Italian Florida

una famiglia italiana a Miami

Tutte le parti di me.

Come cercare di raccapezzarsi nella vita.

Mi piacerebbe aprire un blog

la vita di una ragazza come tante :)

dariablog.me

Be Unique Be You

Vita da Museo

Vedo mostre, leggo libri, ascolto musica, lavoro in un museo: da Londra, le memorie di una Galley Assistant

elinepal

Mi ci mancava solo il Blog

ITALondinese

life and death in London

Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

KAYOGA Brescia

A.S.D Affiliata C.S.A.In Ente di promozione sportiva riconosciuto dal coni

IL SALVACENA

CUCINARE IN APPENA 10 MINUTI

Sendreacristina

.....Artista a Verolanuova..... (tell : 3403738117 )

Solo io e il silenzio

appunti disordinati di Morena Fanti

Sono fuori di me e sto in pensiero perché non mi vedo tornare.#cit.

Non sono pigra. È che vivo col risparmio energetico. Io direi che sono ecologica, ecco. cit.

(Carne da macello)

Just another WordPress.com site, so what?

Passato tra le mani

Frammenti di una cucina an(n)archica e allegra.Ma non solo!

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Cuoche si diventa

Diario di un'aspirante cuoca