L’augurio più grande!

morirei per te                                                            Sai cosa c’è?

C’è che per  il 2015 e tutti gli anni a venire, auguro a tutte noi donne d’incontrare la persona che desiderano, che le faccia sentire bene, speciali, uniche, che le dia il buongiorno al mattino e la buonanotte alla sera, che le riscaldi nel letto come una coperta termica, che prepari il pranzo o la cena e magari entrambe quando lei non può o non ne ha voglia, che l’assista quando sta male perchè LEI  è FRAGILE e non ha la forza di badare a se stessa in quei momenti, che la guidi e l’accompagni dove desidera andare, che le faccia anche dei pensieri scritti ma che siano pensieri e che non si dimentichi mai di dire “Ti amo” perchè non è normale saperlo, è normale sentirlo.

E quando lei vi confida un suo pensiero, anche solo per sfogarsi, lo fà perchè spera di potersi riposare un pò, spera che VOI siate i suoi paladini della giustizia, invece di essere  giudici.

E sapete perchè dico questo?

Perchè noi donne SIAMO TUTTO QUESTO PER VOI  e anche di più!

Noi donne, mettiamo spesso in secondo piano i nostri desideri e impegni per voi, perchè NOI DONNE e anche MADRI, vi curiamo quando state male meglio di uno specialista e stiamo anche ad ascoltarvi quando vi lamentate di tutto e di tutti…NOI SIAMO LA’ PER VOI!!!!

E ci violentate pure…

Vi ascoltiamo, e ci facciamo in quattro per risolvere i vostri problemi, trascurando qualsiasi cosa. E quando vi sentiamo dire che ci tenete, ci crediamo perchè basta poco, davvero molto poco e allora sapete che c’è?

Fatecelo vedere davvero quanto ci tenete invece di dirlo a parole perchè le parole sono vocaboli che scivolano via come fossero vento, le vostre parole e i pochi fatti, non ci bastano più e vogliamo vedere, noi lo vogliamo proprio vedere quanto ci tenete. 

 

Le luci e il futuro…che sarà del Natale?

una-casa-illuminata

Dicembre è un mese straordinario, ha un nome normale, niente di particolare ma quando entra sembra porti con sè un’aria diversa che si respira subito e anche se non vuoi, vieni coinvolto da quest’atmosfera speciale tant’è che, spesso, la mia attenzione viene catturata dalle illuminazioni che “vestono” le case o i negozi all’esterno. Sembra che ognuno faccia a gara a chi espone le luci più belle e le città si vestono di colori e di luci nuove, sfavillanti.

Ogni balcone sembra voglia dire all’altro:”Hai visto come sono vestito bene? Osserva le mie luci, sono di tanti colori!” e l’altro:”E tu? Hai visto le mie? Non sono stupendo?” e noi viandanti li osserviamo e ne commentiamo silenziosamente la fastosità.

Di certo non usiamo le tradizioni degli altri paesi europei, non vestiamo le nostre case con addobbi a volte esagerati ma di sicuro, ognuno esprime ciò che sente dentro mostrando il suo Natale.

Peccato che, dopo, tutto torni nell’anonimato e le case non sono più vestite a festa, non ci sono più i colori e le luci sfavillanti ma… forse Dicembre è speciale proprio per questo. E, a parte la tradizione del Bambin Gesù e dei Re Magi, vorrei tanto che tutta questa tecnologia che man mano arriva, non portasse via anche l’aria stupenda del Natale proponendo luci spaziali, balconi esagonali con lame taglienti al tocco di un piccione che malauguratamente si ferma, alberi troppo moderni con rami che si aprono con un battito di mani e presepi in versione ultramoderna con la Madonna vestita di borchie e metalli vari, stile spaziale e San Giuseppe che porta in mano, invece del bastone, una stilo che diventa lama tagliente a chi gli si avvicina per togliergli il piccolo Bambin Gesù.

E finisce anche la nenia del Natale…ah quanto ti costò l’averci amato!!!

“Le scarpette rosse”

image

Bellissima serata a San Lazzaro durante la rassegna sulla violenza sulle donne. Sullo sfondo, in piedi, mentre leggevo un testo scritto da me. Provo ancora tantissima emozione per il momento inaspettato in cui si sono alzati tutti battendomi le mani per almeno 10 minuti. Mi sono sentita piccolissima, emozionatissima e grata per quei momenti di gioia. Un ricordo che terrò custodito nel mio cuore con immenso amore.
Grazie a tutto il Consiglio Comunale e al Sindaco che mi ha invitata a presentare prossimamente il mio libro.
Umilmente,
Sara.

Ho visto mia madre

Ho visto mia madre piangere tante tante volte, l’ho vista disperarsi perché mio padre non capiva.

Ho visto mia madre ribellarsi e lottare, lei lottava sempre perché voleva che i suoi figli riuscissero dove lei non era riuscita.

Ho visto mia madre fare debiti perché mio padre stringeva la cinghia solo per noi mentre lavorava felice la sua terra spendendo su di essa tanti soldi.

Ho visto mia madre litigare con mio padre per noi, tante tante volte e ho sentito lui offenderla non una ma  migliaia di volte. E quando si e’ ammalata, ho pensato spesso che se avesse saputo della sua malattia si sarebbe ribellata e avrebbe lottato cosi come ha insegnato a me.

Oggi mi chiedo se sto facendo lo stesso errore di mia madre, se fermarmi per amore, come ha fatto lei, sia giusto.

Io, che sono scappata da un amore che mi costringeva al silenzio e all’ obbedienza adesso non riesco a dare un nome esatto al legame forte che mi lega all’unico uomo che è riuscito ad

image

entrare nel mio cuore. Ma ha anche alcune cose che mi ricordano mio padre….ed ho paura che la storia si ripeta.

La menopausa.. che caldo che fa’!

image

La menopausa…che strana compagna…quando inizia ti fa’ palpitare perché pensi: “Oh Dio, mi è saltato il ciclo…sarò incinta?” e vai fuori di testa soprattutto quando pensi che hai tutti i figli cresciuti e non ti va’ di ricominciare tra pappe e biberon.
Poi parli con il tuo medico e scopri che….stai invecchiando???
Ma noooo, dottore lei si sarà sbagliato di sicuro. Sono ancora giovane io…sarà lo stress, i pensieri, mica la menopausa!!!
E poi arriva quell’esame in laboratorio che legge chiaramente come stai e devi fare due conti: calori improvvisi, insonnia, palpitazioni, nervosismo immotivato, tristezza saltuaria….e cavolo, aprite quella finestra no? C’è caldo!!!!!
E fuori ci sono -3 gradi di gelo gratuito, regalo di una stagione ballerina come i tuoi ormoni.
Ok, all’inizio la prendi male, mooooolto male ma poi….che bello…non ho più quel fastidioso ciclo mensile, niente più dolori e poi…..non rimango neanche incinta???????
BENVENUTA MENOPAUSA!!!!!!!

Voci precedenti più vecchie

Around Family Blog

Per chi viaggia con i bambini

Soraya's

Se posso, ti aiuterò!

Prendi il largo

Il blog di Romena

Caduta fuori dal tempo

Un diario di bordo ricco di emozioni

Nonostante me

"Il segreto per andare avanti, è iniziare". M. Twain

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

MIRIAM'S VERSION

Se non puoi essere bella, sii brava. Se non puoi essere brava, sii bella. Ma se puoi essere bella e brava, sii entrambe le cose. Perchè la bellezza sta nella cura della persona e la bravura nella sua volontà. M.R

La vita attraverso il cinema

La vita attraverso il cinema

Nel giardino segreto

in fondo al cuore di ognuno di noi

LIBRI

GUIDO SPERANDIO

E se ci riesco io!

Donna e Mamma in simbiosi

Diario di una ex-stronza

momentaneamente disoccupata, presto di nuovo in carica.

mammaperfettacercalavoro

cambiare è vivere

Chiara - Creazioni in fimo

Bijoux, bomboniere, idee regalo, complementi d'arredo in argilla polimerica

maplesexylove

_Fall in love with style_

My Italian Florida

una famiglia italiana a Miami

Tutte le parti di me.

Come cercare di raccapezzarsi nella vita.

Mi piacerebbe aprire un blog

la vita di una ragazza come tante :)

dariablog.me

Be Unique Be You

Vita da Museo

Vedo mostre, leggo libri, lavoro in un museo: da Londra, le memorie di una Galley Assistant

elinepal

Mi ci mancava solo il Blog

ITALondinese

life and death in London

Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

KAYOGA Brescia

A.S.D Affiliata C.S.A.In Ente di promozione sportiva riconosciuto dal coni

IL SALVACENA

CUCINARE IN APPENA 10 MINUTI

Sendreacristina

.....Artista a Verolanuova..... (tell : 3403738117 )

Solo io e il silenzio

appunti disordinati di Morena Fanti

Sono fuori di me e sto in pensiero perché non mi vedo tornare.#cit.

Non sono pigra. È che vivo col risparmio energetico. Io direi che sono ecologica, ecco. cit.

Passato tra le mani

Frammenti di una cucina an(n)archica e allegra.Ma non solo!

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Cuoche si diventa

Diario di un'aspirante cuoca