L’amore fraterno ai tempi dei social network

two sisters

Due sorelle, due cuori, in due parti del mondo completamente opposte, un biglietto dimenticato, i cellulari accesi.

Sono distanti eppur così vicine…per una sta sorgendo il sole, per l’altra è notte fonda. Un pensiero, forse la voce del cuore, spinge la sorella maggiore a collegarsi su facebook però ha delle cose da fare, non ha tempo adesso… eppure qualcosa la spinge a collegarsi e così fà. Dall’altra parte c’è la sorella che è in cerca d’aiuto, di un conforto, anche solo di sostegno morale…è rimasta a piedi, è stanca e non può raggiungere casa, troppo lontana ed è troppo tardi, quasi mattino forse…si collegano entrambe a facebook, si parlano, l’una sostiene l’altra. Per strada, a quell’ora ci sono solo ubriachi, gente che ha lasciato i sogni chissà dove e si è rifugiata nell’alcool, nella droga, nell’oblìo di se stessi. Lei cammina sperando di non essere disturbata, alla disperata ricerca di un posto dove trovare un benedetto biglietto da comprare ma nessuno è aperto a quell’ora e lei continua a camminare senza fermarsi ma…dove potrebbe andare?

All’improvviso dopo tanta strada percorsa, lo vede..è proprio  un biglietto??? E’ davvero un biglietto per il bus???? Proprio quando sembrava non esserci speranza…sì, è un biglietto! E’ proprio un pezzetto di carta plastificata buttato lì per terra che in quel momento sembrava il famoso ago nel pagliaio.

Può farcela,  può salire finalmente sul bus e passarlo in quel benedetto lettore…lo dice a sua sorella, entrambe gioiscono e si stringono in un abbraccio fraterno che supera ogni distanza. “Mia sorella è riuscita a tornare a casa….e io le sono vicina finchè non apre la porta anche se rimando i miei impegni”.

E sapete qual’è la cosa che mi ha fatto emozionare di più fino a piangere di gioia? Che l’indomani, appena sveglia, ho visto il cellulare lampeggiare….erano le notifiche, la notte abbasso ogni suoneria.  Le mie figlie, le mie piccole grandi donne, tanto distanti e così tanto vicine. Leggo tutto, leggo la paura in una e il sostegno morale dell’altra, sento ogni loro emozione come fossi  presente e avverto la gioia di entrambe quando appare il biglietto tanto desiderato e piango di gioia perchè anch’io “ho trovato il biglietto”, vivendo ogni loro ogni istante.

Già, questi social network….è vero che separano i rapporti umani, è vero che non ci si parla più e che al ristorante si preferisce parlare su facebook o su watsapp piuttosto che con il compagno accanto ma… devo ammettere che, in questo caso, ha unito due persone che si amano fraternamente.

E spero tanto continuino così

La lunga strada della crescita di un figlio

Eh già…i figli crescono ed è sempre più difficile riuscire a stargli dietro.

Mia zia diceva sempre: “picciriddi nichi, picca pinseri, picciriddi ranni, pinseri ranni” (bambini piccoli, piccoli pensieri, bambini grandi, pensieri grandi). Non le credevo molto perchè non ero ancora in questa fase, i miei erano piccoli e gestirli era facile…non è poi così difficile, dopo aver partorito un figlio, cercare di allevarlo tra pappe, biberon e pannolini. Vedendo su Istangram Belen Rodriguez, che stimo tantissimo, che posta vari video di lei e del suo compagno mentre giocano con il loro piccoletto, m’intenerisco e ripenso a quando i miei erano piccoli e com’ero positivamente intenzionata a dare loro tutto l’amore e tutta la serenità che potevo oltre ad una buona educazione.

“Grazie, prego, scusa, posso per favore, vorrei, buongiorno, per piacere…” sono solo le prime semplici frasi che i nostri bimbi imparano da piccoli, non è così? E fino ai 10/12 anni ancora ancora siamo perfettamente in sintonia con loro e fiere dei risultati ottenuti.

E poi? Cavolo…è difficile davvero il poi…incontrano altri compagni alle medie, chi fuma persino spinelli, chi ha già avuto i primi rapporti sessuali…a 12/13 anni??? Ma com’è finita???

Facciamo tanto per crescerli educati e con dei sani valori e tutto inizia a sgretolarsi quando iniziano le prime amicizie legate all’adolescenza? E non parlo del dopo….scuole superiori. C’è di tutto!!!!

Credo che gli insegnanti vadano a scuola attrezzati come i ninja. Scusate ma….dove stiamo andando a finire? A me vengono le occhiaie dalle notti insonni a cercare di trovare il modo per non perderli strada facendo…perchè la strada è lunga davvero. Chi saranno i ragazzi che abbiamo educato fino ai 18/20 anni? Ce l’avremmo fatta a non perderli strada facendo? Tra spinelli, rapporti sessuali precoci, internet e cellulari di ultima generazione, posso senz’altro confermare che mi sento come se stessi sciando sulla neve ad alta velocità.

Direi che sono arrivata sulla vetta della montagna credendo di potermi riposare un attimo e invece mi ritrovo a scendere veloce, scansando come meglio posso alberi, valanghe e grosse palle di neve senza aver mai imparato a sciare.

Cara Belen, con tutta la stima che posso e la dolcezza che provo quando vedo i tuoi video, ti consiglio di armarti di tuta e scii e prendere delle ottime lezioni, perchè i figli dopo la pubertà, ti fanno sciare, eccome se ti fanno sciare!!!!

Around Family Blog

Per chi viaggia con i bambini

Soraya's

Se posso, ti aiuterò!

Prendi il largo

Il blog di Romena

Caduta fuori dal tempo

Un diario di bordo ricco di emozioni

Nonostante me

"Il segreto per andare avanti, è iniziare". M. Twain

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

MIRIAM'S VERSION

Se non puoi essere bella, sii brava. Se non puoi essere brava, sii bella. Ma se puoi essere bella e brava, sii entrambe le cose. Perchè la bellezza sta nella cura della persona e la bravura nella sua volontà. M.R

La vita attraverso il cinema

La vita attraverso il cinema

Nel giardino segreto

in fondo al cuore di ognuno di noi

LIBRI

GUIDO SPERANDIO

E se ci riesco io!

Donna e Mamma in simbiosi

Diario di una ex-stronza

momentaneamente disoccupata, presto di nuovo in carica.

mammaperfettacercalavoro

cambiare è vivere

Kiara Kreations Design

Bijoux, bomboniere, idee regalo, complementi d'arredo in argilla polimerica

maplesexylove

_Fall in love with style_

My Italian Florida

una famiglia italiana a Miami

Tutte le parti di me.

Come cercare di raccapezzarsi nella vita.

Mi piacerebbe aprire un blog

la vita di una ragazza come tante :)

dariablog.me

Be Unique Be You

Vita da Museo

Vedo mostre, leggo libri, lavoro in un museo: da Londra, le memorie di una Galley Assistant

elinepal

Mi ci mancava solo il Blog

ITALondinese

life and death in London

Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

KAYOGA Brescia

A.S.D Affiliata C.S.A.In Ente di promozione sportiva riconosciuto dal coni

IL SALVACENA

CUCINARE IN APPENA 10 MINUTI

Sendreacristina

Opere. (tell : 3403738117 )

Solo io e il silenzio

appunti disordinati di Morena Fanti

Sono fuori di me e sto in pensiero perché non mi vedo tornare.#cit.

Non sono pigra. È che vivo col risparmio energetico. Io direi che sono ecologica, ecco. cit.

Passato tra le mani

Frammenti di una cucina an(n)archica e allegra.Ma non solo!

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Cuoche si diventa

Diario di un'aspirante cuoca