L’amore fraterno ai tempi dei social network

two sisters

Due sorelle, due cuori, in due parti del mondo completamente opposte, un biglietto dimenticato, i cellulari accesi.

Sono distanti eppur così vicine…per una sta sorgendo il sole, per l’altra è notte fonda. Un pensiero, forse la voce del cuore, spinge la sorella maggiore a collegarsi su facebook però ha delle cose da fare, non ha tempo adesso… eppure qualcosa la spinge a collegarsi e così fà. Dall’altra parte c’è la sorella che è in cerca d’aiuto, di un conforto, anche solo di sostegno morale…è rimasta a piedi, è stanca e non può raggiungere casa, troppo lontana ed è troppo tardi, quasi mattino forse…si collegano entrambe a facebook, si parlano, l’una sostiene l’altra. Per strada, a quell’ora ci sono solo ubriachi, gente che ha lasciato i sogni chissà dove e si è rifugiata nell’alcool, nella droga, nell’oblìo di se stessi. Lei cammina sperando di non essere disturbata, alla disperata ricerca di un posto dove trovare un benedetto biglietto da comprare ma nessuno è aperto a quell’ora e lei continua a camminare senza fermarsi ma…dove potrebbe andare?

All’improvviso dopo tanta strada percorsa, lo vede..è proprio  un biglietto??? E’ davvero un biglietto per il bus???? Proprio quando sembrava non esserci speranza…sì, è un biglietto! E’ proprio un pezzetto di carta plastificata buttato lì per terra che in quel momento sembrava il famoso ago nel pagliaio.

Può farcela,  può salire finalmente sul bus e passarlo in quel benedetto lettore…lo dice a sua sorella, entrambe gioiscono e si stringono in un abbraccio fraterno che supera ogni distanza. “Mia sorella è riuscita a tornare a casa….e io le sono vicina finchè non apre la porta anche se rimando i miei impegni”.

E sapete qual’è la cosa che mi ha fatto emozionare di più fino a piangere di gioia? Che l’indomani, appena sveglia, ho visto il cellulare lampeggiare….erano le notifiche, la notte abbasso ogni suoneria.  Le mie figlie, le mie piccole grandi donne, tanto distanti e così tanto vicine. Leggo tutto, leggo la paura in una e il sostegno morale dell’altra, sento ogni loro emozione come fossi  presente e avverto la gioia di entrambe quando appare il biglietto tanto desiderato e piango di gioia perchè anch’io “ho trovato il biglietto”, vivendo ogni loro ogni istante.

Già, questi social network….è vero che separano i rapporti umani, è vero che non ci si parla più e che al ristorante si preferisce parlare su facebook o su watsapp piuttosto che con il compagno accanto ma… devo ammettere che, in questo caso, ha unito due persone che si amano fraternamente.

E spero tanto continuino così

Il Blog di Simone

TUTTO E' CAMBIAMENTO

One 🍀 Elpis

Blog di Arti e Discipline Umanistiche

Un Dente di Leone

La quinta età: un soffio di vento sul dente di leone

Around Family Blog

Per chi viaggia con i bambini

Soraya's

Se posso, ti aiuterò!

Prendi il largo

Il blog di Romena

Caduta fuori dal tempo

Un diario di bordo ricco di emozioni

Nonostante me

"Il segreto per andare avanti, è iniziare". M. Twain